I negozi Gucci accettano pagamenti in crypto tra cui Bitcoin, Ethereum e Dogecoin. Ma solo negli USA

I negozi Gucci accettano pagamenti in crypto tra cui Bitcoin, Ethereum e Dogecoin. Ma solo negli USA

La casa di lusso Gucci, entro la fine del mese introdurrà le criptovalute come metodo di pagamento nei negozi situati negli Stai Uniti. Saranno 10 le criptovalute accettate dalla casa di moda italiana, tra cui anche Bitcoin, Dogecoin, Ethereum e tante altre.

di pubblicata il , alle 16:51 nel canale Web


Bitcoin

Gucci, celebre marchio di lusso, ha rivelato che accetterà pagamenti in criptovaluta a partire dalla fine del mese. Si tratta di un grande passo per la casa di moda italiana, ma specifichiamo che attualmente si potrà pagare in crypto solo in alcuni negozi negli USA. L’obiettivo è quello di ampliare il progetto in tutti i punti vendita del Nord America.

crypto gucci

Gucci dice sì alle crypto. Ecco quali sono

Tra le criptovalute accettate da Gucci per i pagamenti abbiamo: Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash (BCH), Ethereum (ETH), Wrapped Bitcoin(wBTC), Litecoin (LTC), Shiba Inu (SHIB), Dogecoin (DOGE) e 5 stablecoin, dunque legate al dollaro statunitense. I primi negozi scelti da Gucci sono: Wooster Street a New York, Rodeo Drive a Los Angeles, Miami Design District, Phipps Plaza ad Atlanta e The Shops at Crystals a Las Vegas.

crypto gucci

Il pagamento avverrà tramite un link che l’utente riceverà via mail. All’interno della mail ci sarà un codice QR che consentirà di pagare attraverso il wallet crypto del cliente. Gucci sta studiando anche i pagamenti fisici in criptovaluta, grazie alla tecnologia NFC o codice QR, direttamente dal proprio smartphone.

“Gucci cerca sempre di abbracciare le nuove tecnologie quando possono fornire un’esperienza migliorata ai nostri clienti. Ora che siamo in grado di integrare le criptovalute nel nostro sistema di pagamento, è un’evoluzione naturale per quei clienti che vorrebbero avere questa opzione a loro disposizione”, ha affermato Marco Bizzarri, presidente e CEO di Gucci.


Leggi la notizia originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.